Day One startup

Le start-up più innovative si affidano a loro. Abbiamo
chiesto al Marketing Manager Gianluca Giordani di
spiegarci perché l’innovazione inizia con un Day One.

day one startup

Day One nella realtà italiana delle start-up

Ciao Gianluca, ci ha incuriosito molto la vostra realtà aziendale. Ci spieghi bene
di cosa si occupa Day One?

Day One è un acceleratore per start-up high-tech con base a Roma fondato su due
pilastri fondamentali: open innovation approach e market oriented strategy.
Da quattro anni ormai affianchiamo startuppers e ricercatori universitari che
immaginano un futuro migliore grazie alle loro innovazioni e sognano di lanciarle con
successo sul mercato. Coinvolgiamo gli innovatori in un percorso di co-creazione,
dove le funzionalità del prodotto sono convalidate da feedback continui da parte di
grandi clienti industriali che cercano nuove tecnologie e know how, unico modo per
rimanere competitivi sul mercato globale.

Negli ultimi anni l’innovazione sta passando sempre più attraverso le start-up,
ma in Italia questo passaggio sembra più lento. Secondo l’esperienza di Day One
cosa manca ancora?

Il problema del mondo della ricerca italiana è che molte tecnologie interessanti non
sono sviluppate con un orientamento al mercato e quindi, inevitabilmente, finiscono
nel cestino. Lavorando in Day One vedo quotidianamente l’enorme potenziale che c’è
nei laboratori universitari e in ogni singolo ricercatore e quanto spesso questo rimanga
confinato all’interno di un sistema che non facilita né incentiva il pensiero
imprenditoriale o il trasferimento tecnologico. Quello che manca, insomma, è una
vera e propria “cultura diffusa dell’innovazione orientata al mercato”.

Quindi cosa contribuisce al successo di una start-up italiana?

Bisogna comprendere che sviluppare una tecnologia chiusi nel proprio laboratorio non
è meno nobile che farlo con un continuo stimolo da parte di un potenziale utilizzatore
finale della tecnologia sviluppata; anzi, il risultato è la soddisfazione di poter
cambiare le cose con le proprie innovazioni facendone beneficiare l’intera società.
La chiave del successo, in particolare per quanto riguarda il made-in- italy, è sempre
stata il prodotto e la sua capacità di migliorare la vita di chi lo avrebbe utilizzato; ed è
all’attenzione al prodotto che bisogna tornare.

La filosofia Day One

Cosa è per voi l’Open Innovation?

L’open innovation è un’opportunità. Una grande realtà industriale che decide di
aprirsi a risorse esterne per rimanere competitiva a livello tecnologico ha come primo
interlocutore proprio le start-up. Tuttavia definire la tecnologia ed il concept di
prodotto in maniera tale che si adatti alla suddetta realtà industriale necessita di
tempo, lavoro, strategia, finanziamenti, competenze: tutto quello che Day One sa
creare e offrire.

day one startup

L’Open Innovation, inoltre, vuol dire aprire le porte a tutti quelli che, come noi,
vogliono fare innovazione e ricerca applicata. Chiunque cerchi risposte sulla bontà
della propria tecnologia in Day One trova sempre un Innovation Manager pronto ad
ascoltarlo e a validarne il potenziale con i potenziali end-user (anche un eventuale
feedback negativo non è mai una bocciatura, ma uno stimolo a migliorarsi).

 

“Una buona idea è sempre il punto di partenza, ma l’innovazione è molto più di
questo” Cosa è l’innovazione allora per Day One?

L’innovazione è la traduzione di una volontà che consente di creare imprese,
occupazione e di vedere realizzato il risultato di tanti anni di impegno e lavoro.
Un’azione che racchiude, in fondo, un profondo senso di altruismo e che mescola
tecnologia, economia, psicologia, marketing, ergonomia, con un pizzico di estro e
creatività.
Più di 100 anni fa Henry Ford diceva: “Se avessi chiesto alla gente cosa voleva, mi
avrebbero detto cavalli più veloci” e credo che questo racconti ancora oggi la vera
essenza del concetto di innovazione.

Quale è stato finora il progetto che vi ha dato la soddisfazione più grande?

Bella domanda. È veramente difficile darti una risposta.
In Day One siamo molto selettivi nella scelta dei progetti innovativi da affiancare,
perchè siamo sempre guidati dal criterio della “qualità”, che per noi implica il valore
intrinseco della tecnologia, il suo potenziale e la sua sostenibilità, senza dimenticare
anche la competenza e la determinazione del team della start-up.
Tutti progetti che seguiamo, quindi, sono il frutto di un enorme lavoro, che, per
fortuna ci ha sempre dato grandi soddisfazioni.
Io dico sempre che in Day One “sposiamo” gli startupper con cui collaboriamo,
perchè rimaniamo con loro “nella buona e nella cattiva sorte”: il successo della start-
up che affianchiamo è anche il nostro successo.
Sicuramente fra i progetti d’impresa innovativa che abbiamo seguito e di cui andiamo
particolarmente orgogliosi vi è Coelux ,e basta andare sul loro sito per capire perchè!

A questo punto se vi riconoscete nel profilo di Frank o di Steve, non vi resta che
mettervi in contatto con Day One, perché “la vera innovazione avviene solo quando
Frank e Steve si incontrano!”

Segui Day One su Facebook:  https://www.facebook.com/dayonesrl/ 

Segui Day One su Linkedin: https://it.linkedin.com/company/dayone